Testimonials

 

Nuovo prodotto per i grilli (Acheta domesticus)

Ecco le ultime testimonianze circa il prodotto sperimentale utilizzato grazie all’invasione di grilli in un’abitazione domestica:

Silvia Buongiorno

abbiamo provato il prodotto repellente per grilli e non so se è stata una stagione “scarsa” o meno ma in casa abbiamo avuto un risultato veramente buono. Siamo rientrati ieri sera da una breve vacanza e prima di partire abbiamo irrorato la soglia con il prodotto e al ritorno con grande piacere all’interno non abbiamo trovato la solita invasione ma pochi esemplari.

Da parte nostra possiamo dire che funziona.

Saluti

Flavia, Reggio Emilia

Settembre 2017

Settembre 2016 prove su animali con ZeccaZero PulceO, Free Dog e Free Horse.

Le testimonianze di alcuni veterinari e operatori del settore.

Alberto e Fabiola, Bolzano.

Prodotto testato su tre cani: Joy: 3,5 anni, maltese toy a pelo lungo; Margot: 2,5 anni, meticcio piccola taglia a pelo corto; Nilo: 1 anno, meticcio piccola taglia a pelo lungo. dscn5616-copiaResidenti a Bolzano, frequentiamo i boschi del Trentino in Val di Non (1.000 metri). Abbiamo fino ad oggi sempre utilizzato diversi prodotti per la protezione e la prevenzione delle malattie da zecche, spesso con risultati scadenti. Ad inizio estate, prima della somministrazione dello ‘zecca-zero’ abbiamo notato un deciso aumento delle zecche sui nostri animali rispetto agli anni precedenti. Nelle uscite successive, dopo aver spruzzato il prodotto ‘zecca-zero’ abbiamo notato una decisa diminuzione delle zecche (che camminano per ore sul pelo dei cani prima di attaccarvisi), talora con assenza totale di zecche. L’abbiamo testato tutta l’estate e proseguiamo. Laddove il prodotto non è uniforme sul pelo dell’animale (es. vicino agli occhi, naso o in altre zone del corpo dove non spruzzato) alcune zecche si sono comunque attaccate. La cosa positiva del prodotto è la seguente per noi: facile da somministrare, non ha controindicazioni per gli animali, riduce considerevolmente la possibilità di punture da zecche, ci consente di accarezzare i nostri animali senza problemi, di tenerli con noi sul letto senza difficoltà. Consigliamo: se il cane accetta di essere spruzzato, bene; alternativamente spruzziamo il prodotto su un panno con cui lisciamo il pelo dell’animale (tutto), senza che questi si spaventi. Consigliamo di somministrarlo ogni due-tre giorni per conservare inalterata l’efficacia del prodotto, anche ogni giorno (tanto non fa nulla). Una settimana è un periodo troppo lungo. Quest’anno abbiamo notato la presenza anche di zecche di piccolissima taglia (poco più di un puntino) mai osservate in precedenza, su cui il prodotto non ha l’efficacia delle ‘classiche’ zecche

Felici di proseguire con l’applicazione di un prodotto naturale. Grazie! Alberto e Fabiola

Elisabetta, Bolzano

Prodotto free-dog testato su due cani: DINO: 11 anni incrocio bovaro del bernese/san bernardo a pelo lungo; EMY: 5 anni bovaro del bernese a pelo lungo.

Siamo residenti a San Giacomo di Laives e quindi spesso portiamo i cani in campagna e frequentiamo abitualmente la zona della bassa Val di Non (Predaia – Vervò), oltre ad occasionali dscn5666-copiagite in montagna in altre destinazioni. Ho sempre utilizzato diversi prodotti per la protezione e la prevenzione delle malattie da zecche, collari, spray, pastiglie (collare scalibor, bravector…), tranne gli spot-on perché entrambi i cani all’applicazione manifestavano reazioni allergiche (prurito, tosse…), e spesso con scarsi risultati. Questa primavera ho sospeso ogni somministrazione ed iniziato a nebulizzare sul pelo il mix di essenze: in tutta la stagione non ho mai trovato una zecca!

Non so se può essere utile ma nelle ultime settimane ho notato una concentrazione di zanzare tigre intorno ai cani, anche a casa, a San Giacomo, dove negli anni passati non ne abbiamo mai avvertito la presenza.

Grazie mille     Elisabetta

Francesco, Bolzano

Prodotto free-horse testato su due cavalle in Val di Non (Coredo), Jenny e Natasha.

Siccome spaventate dallo spruzzino ho sempre somministrato il prodotto passandolo con un panno umido sul manto delle cavalle. Molto efficace con le mosche, meno efficace con i tafani, quest’anno particolarmente fastidiosi. Consiglio di somministrarlo tutti i giorni, perché già dopo uno-due giorni l’efficacia è minore.

Grazie di cuore         Francesco

Nadja, Siusi (Bolzano)

Progdotto free-horse testato su alcuni cavalli.

dscn5625Cara Silvia, prima di tutto grazie mille della possibilità di poter provare un prodotto nuovo e naturale al 100%! L’ho provato con i miei cavalli e per evitare che le mosche gli diano fastidio sono molto contenta e posso dire che funziona!! Purtroppo nella mia zona (Castelrotto, Alto Adige, 1.000 mt) ci sono anche tanti tafani e i tafani ci hanno dato fastidio nonostante il prodotto…..i tafani purtroppo quest’anno erano/sono più cattivi e più grandi rispetto ad altri anni (forse per il clima più tropicale di quest’anno??) Non so se ti può aiutare come Feedback? Se per te va bene vorrei andare avanti con al prova…….adesso andando avanti spariscono anche i tafani….comunque come resumèe posso dire che per le mosche funziona ….zanzare non so, perché non ci sono 😦 e sopratutto metto questo prodotto con piacere sui miei cavalli perché so che é naturale e quindi non li fa male!! Fammi sapere per favore se ti posso aiutare con un Feedback diverso o come possiamo contribuire al miglioramento dei tuoi prodotti!

Cari saluti       Nadja

 

1/08/2016

Dunque comincio a scriverti riguardo ai due prodotti che ho preso e che sto usando, quello per le cimici del pomodoro e quello per le zanzare. Per le cimici direi bene, ora ripasserò di nuovo sui pomodori che comunque mi sembrano andare bene. Invece ho notato che ci sono delle piccole cimici sui peperoni, pensavo di spruzzarlo anche lì…. Per le zanzare premetto che la situazione da noi è piuttosto critica infatti il mio giardino è chiuso fra due siepi alte (tipo cipresso) e appena oltre da una parte c’è un fosso e dall’altra un rio consortile che in questo periodo spesso tengono con acqua ferma e alta per le irrigazioni dei campi (io abito in campagna). L’abbiamo spruzzato sotto i portici, sui vasi, sulle piante più vicine a casa, su porte e finestre, sui giochi dei bambini. I primi giorni si nota una decisa diminuzione delle zanzare, in queste zone, l’effetto dura poco, direi 4-5 giorni, penso per via delle particolari condizioni che ci sono da noi. Poi ora è piovuto, quindi suppongo di dover ripassare, giusto? Intanto grazie e a presto.

Daria (Padova)

23/02/2016

Sto viaggiando virtualmente in California: Terra Flora, la Flower Essence Society di Richard Kats e Patricia Kaminsky dei Fiori Californiani hanno riportato sul loro sito il mio lavoro e la mia testimonianza  circa l’uso dei Rimedi sulle piante.

Dear Ms. Malagoli,

Thank you for your valuable contribution to theWinter/Spring 2016 edition of the Flower Essence Society International Research Journal Online! Patricia Kaminski and Richard Katz personally extend their deepest gratitude to you. And though you were previously in contact with Jann, she wishes to express her gratitude again to you as well.

We appreciate your expertise and perspective on Flower Essence Therapy and are delighted to feature your work to a worldwide audience. Thank you for your permission to publish: http://www.flowersociety.org/malagoli-plant-remedies.html

We find your uses of Flower Essence for plant care fascinating and we know that many other people will as well.  It represents a new way of thinking of ways to care for our plants and gives us a truly beautiful solution for growing strong, healthy plants in a most loving way.

It is an honor to share your work through the Flower Essence Society and beyond. Your contributions to FlowerEssence Therapy are vital for the continued growth ofthis beautiful healing modality and we sincerely thank you.
Warmest regards,

Alana Lucia

On behalf of the Flower Essence Society
Phone: 800-736-9222
Email: mail@flowersociety.org
Web: http://www.flowersociety.org

 

ricardo_orozcoA seguire, una dichiarazione scritta del Dott. Ricardo Orozco, famoso medico e floriterapeuta di fama internazionale che, con il lascito di Bach, ha dato vita al metodo di applicazione topica (cutanea) dei Rimedi Floreali.

20/05/2015

Orozco 001

Altre dichiarazioni di persone che hanno utilizzato i rimedi floreali come dissuasori di insetti:

Pier Paolo – Consorzio Fitosanitario Provinciale di Modena – 2015

Ciao Silvia, spero, prima di ogni cosa, tu stia benone. Mi scuso per il ritardo con cui ti scrivo, ma è stata una annata particolarmente piena, e ora siamo in piena fase di rendicontazione (per seminari e convegni vari). Ti faccio in modo molto sommario (per ora) un riassunto di come sono andate le cose impiegando i Fiori di Bach.

–          Per la Botrite (e marciume acido), forse, sono giunti i riscontri più soddisfacenti. Anche per questa prova ti allego la tabella dei risultati (ad oggi non divulgabili). I dati sono del tutto paragonabili a standard chimici e bio già in commercio (a voce posso dirti quali sono le molecole saggiate). In generale (ma ammetto tutta la mia ignoranza) ho la sensazione che come tipo di attività, i fiori di Bach abbiano bisogno (tanto per insetti che per patogeni) di essere già presenti sulla pianta, eventualmente ripetuti più volte, e diano riscontri a lungo termine. Come effetto drastico, abbattente – almeno per quanto ho visto io – sono difficilmente proponibili. Pare cioè che abbiano limiti se occorre bloccare una sporulazione in atto o far fuori un insetto in tempi rapidi. Migliori prospettive le abbiamo  per popolazioni di insetti più “soft”, che devono ancora moltiplicarsi o su cui si possa tollerare una certa presenza (es afidi o psille o drosofile). Migliori prospettive le abbiamo per funghi o patogeni non ancora insediati o dove si aiuti la pianta ad arginarne per tempo la diffusione. Queste però, ripeto, sono impressioni del tutto personali.Resto a disposizione per qualsiasi cosa. Grazie. A presto

P.s. in questi giorni stiamo preparando le relazioni da inoltrare alle Giornate Fitopatologiche del 2016 (direi la vetrina italiana più importante per le sperimentazioni fitoiatriche). Manderemo anche le prove su Botrite.

Cristina, Modena luglio 2015

Cara Silvia, ti ricordi come era defogliato e secco il mio goji? (Non era stato annaffiato per alcuni giorni quando ero malata a inizio luglio).
Poi..con amore, sollecitudine e i Fiori l’ho curato e..guarda che splendore!..sembra un miracolo!!
Un abbraccio da Cristina

Partecipazione a Guastalla durante la manifestazione “Piante e Animali Perduti”, edizione 2014.

Testimionial Fiera di Guastalla 001

Cinzia, Valle d’Aosta 2014

Ho una notizia importante da darti. La famosa sughera sta bene, c’è stato un momento in cui aveva perso di botto tutte le foglie (confesso che anche i miei titolari la davano per persa), già si comportava come la sorella quercia che a primavera perde le foglie vecchie per fare posto alle nuove, ora è magnifica. E anche le piccole stanno meglio. Devo ringraziare queste splendide piante che mi hanno dato la possibilità di conoscerti; sto leggendo il tuo libro e mi sembra così famigliare il tuo modo di esprimerti come se conoscessi di persona la tua vibrazione, non so perché. Secondo me è scritto molto bene, chiaro, semplice ma molto “tecnico”, mi viene da dire competente e ispirato. Ciao a presto.

Elena, Modena 6 novembre 2014

Ciao,
io ho provato personalmente Insecta e Fungus per le piante e mi sono trovata molto bene.
Le piante si sono riprese pian piano, può darsi più lentamente che con trattamenti chimici drastici, ma ho continuato a dargli periodicamente i prodotti e si sono mantenute in salute tutta la stagione estiva (e tutt’ora anche se le ho messe a riposo e sospeso i trattamenti).
Rispetto l’anno precedente quest’anno ho iniziato a trattarle anche come prevenzione e devo dire che ha funzionato.
Inoltre, essendo molto diluite le trovo convenienti.
Per quanto riguarda ZeroZanza non l’ho provato come dovuto, l’ho tenuto nella mia camera da letto per contrastare qualora si insidiassero zanzare in camera, cosa che è accaduta e puntualmente mi hanno punta.
Non l’ho però testato in ambienti esterni e non ritengo quindi di averlo sufficientemente provato.

Damiano, Casale California 7 novembre 2014

Ciao,

per quanto mi riguarda i risultati li ho visti solo con ZeroZanza. Come sai, lumache e cimici hanno continuato perseverando. Credo necessitino molti test ancora, prove e studi più approfonditi, a livello di azienda agricola.

Maurizio, Castelfranco Emilia (Mo) 10 novembre 2014

Ciao,

ho provato il prodotto ZeroZanza e Insecta e Fungus.
Per le zanzare è stato efficace all’inizio della stagione (quando ce ne erano ancora poche) poi un po meno, anche perchè non ero molto regolare nella diffusione.
Il prodotto Insecta è stato molto efficace sulle piante dei carciofi attaccate da pidocchi, per le muffe ad una quercia non ho visto risultati, probabilmente perchè la pianta è alta 6/7 metri e dandola alle radici dovevo usarne una quantità maggiore.

Fiorella, Savignano sul Panaro (Mo), 2014

Ciao carissima, mi ha detto Sandra, che ha fatto lei trattamento, e con un solo trattamento GrilloTalpa ha ottenuto il risultato.
Le rea stato detto che doveva fare 3 trattamenti ma già uno è stato sufficiente. Ho letto il libro e mi ha convinta molto… con Sandra ti richiameremo per usare ancora i tuoi prodotti.

Alessandro, Puglia, giugno 2014

Buongiorno, da poco che ho finito di leggere il suo libro, e sinceramente l’ho trovato molto interessante. Complimenti.
Mi presento: mi chiamo Alessandro e da più di dieci anni coltivo con il metodo biologico con buoni risultati. Quest’anno ho avuto seri problemi per via del cambio repentino di temperature e dell’eccessiva pioggia dell’ultimo mese. Così ho iniziato ad utilizzare i fiori di Bach come indicavano su alcuni siti. Diciamo che ho risolto molti problemi ma sto avendo molte difficoltà a debellare la peronospora del pomodoro. Le mie piante sono state colpite quasi tutte e con seri danni. Cosa mi consiglieresti di utilizzare?
Grazie in anticipo.

 

La serata agli Orti di Sant’Agnese (Modena) di giovedì 24 luglio scorso, ha preso una direzione eco – sostenibile nonostante l’argomento pionieristico circa l’uso dei Fiori di Bach come antiparassitari naturali. È stato presentato il libro “Curare i fiori con i Fiori”, testo nato con lo scopo di spiegare che è possibile utilizzare i Rimedi floreali per curare patologie verdi. Alberi da frutto, piante orticole, ornamentali da interno e da esterno, possono essere guarite da parassiti, attacchi fungini e stati di appassimento attraverso il messaggio curativo che ogni singolo Rimedio porta dentro di sé. Un’esperienza decennale dell’autrice in ambito del giardinaggio ha comprovato l’efficacia della medicina vibrazionale come valida risorsa per curare il mondo vegetale a impatto zero. Recentemente è nato anche il Rimedio Naturale ZeroZanza, prodotto totalmente atossico, adatto ad un uso esterno per giardini, cortili, orti e balconi.

L’obiettivo è quello di prendersi cura dell’ambiente in modo diverso, consapevole e naturale.

Orti di Sant’Agnese, Modena, estate 2013

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: