Lumache e limacce: soluzioni naturali

Annunci

Negli orti imperversano lumache e limacce (lumache senza casa) in questo periodo più che mai! Ed è davvero triste vedere le prime foglie verdi dell’orto a pois, dove i pois corrispondono a buchi! La causa di ciò, in questa stagione, è data dalla presenza di questi gasteropodi terrestri che non vorremmo vedere vicino agli orti.

Bene, vorrei offrire una soluzione naturale, a impatto zero e soprattutto con tempi di carenza nulli (cioè, dopo aver dato il prodotto potete tranquillamente mangiare … la foglia o la verdura in questione). Non è ancora e del tutto assoldato questo sistema ma credo ci siamo buone probabilità della sua efficacia: sarete voi a dirmi (e per piacere, fatelo, scrivete sul sito o mandatemi una mail!)

Si tratta di comporre una miscela di fiori di Bach e 1 fiore californiano. Ecco cosa serve e in quale misura – da mettere in un flacone da 30 ml con pipetta, successivamente da diluire sino a ottenere 11 lt di prodotto finito (4 pipette x 1 lt di acqua):

  • MUSTARD
  • WILD OAT
  • ROCK WATER
  • SWEET CHESTNUT
  • EVENING PRIMEROSE  (fiore californiano)

Sono tutti fiori di Bach facilmente reperibili in erboristeria o farmacia + 1 fiore californiano (non australiano!) Per ogni rimedio versate 7 gocce nel flaconcino con pipetta da 30 ml, a sua volta 4 pipette della soluzione per ogni litro di acqua che volete erogare. Poi erogate! Su foglia, su terra, dove serve.

Attendo un vostro feed back a riguardo!

E-mail: fioripergaia@gmail.com

 

YES rimedio per contrastare radiazioni e geopatie

Annunci

YES – Yerrow Environmental Solution – è un rimedio californiano della linea FES creato dai coniugi Kaminski in risposta agli eventi di Chernobyl del 1986 per contrastare l’effetto delle radiazioni sugli esseri umani. Ebbene sì, esiste questo rimedio sin da metà degli anni ottanta (e nessuno lo sapeva o in pochissimi). YES lavora sulla pulizia da radiazioni di diversa origine sia a livello del corpo fisico che del corpo eterico: agisce su geopatie (nodi di Hartmann) video e schermi, cellulari, raggi X, radioterapia, campi elettromagnetici.

Il rimedio YES è una miscela unica a base di:

  • rimedi floreali di Arnica, Echinacea, Yarrow, Pink Yarrow, Golden Yarrow
  • tinture madre di Arnica, Echinacea, Yarrow
  • acqua marina

Vediamo di cosa si tratta nello specifico:

ARNICA: Arnica mollis, il rimedio floreale allevia ogni tipo di trauma, sia esso recente o antico. La tintura madre decongestiona le infiammazioni.

ECHINACEA: Echinacea purpurea, il rimedio floreale è utile per mantenere l’integrità dell’individuo in caso di forte shock o traumi violenti che provocano un senso di disgregazione fisica. La tintura madre è un potente antibatterico, antivirale, antinfiammatorio, fortifica le difese immunitarie.

YARROW: Achillea millefolium, il rimedio floreale rafforza la vitalità, ripulisce dalla tossicità ambientale a livello psichico. La tintura madre è utilizzata per le sue capacità antinfiammatorie, antiemorragiche, antispasmodiche, per risolvere problemi legati a coliti e crampi addominali, riequilibra il sistema ormonale femminile.

PINK YARROW: Achillea millefolium var. rubra, il rimedio floreale permette di mantenere il distacco emotivo da situazioni spiacevoli o pesanti; ripulisce da tutto ciò che viene assorbito o che “dissangua” emotivamente. La mente resta lucida e non è suggestionata.

GOLDEN YARROW: Achillea filipendulina, rimedio floreale che permette di restare aperti nei confronti del mondo e delle persone, pur mantenendo integra la propria identità sensibile. Individualità protetta tra la moltitudine.

 

YES è un rimedio che permette di mantenere integre le energie vitali e psichiche, è uno scudo contro ogni tipo di radiazione che minaccia la fisicità individuale e del pianeta; esso attiva proprietà ricostituenti per l’organismo e la psiche.

Per quanto tempo assumere il rimedio? Direi sempre, o quasi sempre: siamo immersi in un mondo fatto di radiazioni.

DOVE ACQUISTARE I PRODOTTI:

v

 

Rimedi Floreali ai tempi del Coronavirus

Annunci

C’è una forte analogia tra quello che sta succedendo alle persone e quello che accade al pianeta oggi. Da quando questa pandemia ha luogo c’è stata un’inversione di marcia: le aree più inquinate del pianeta si sono (o si stanno) ripulendo – persino in pianura si respira aria buona – mentre il virus attacca nello specifico i polmoni delle persone.

I polmoni sono gli organi principali dell’apparato respiratorio, forniscono ossigeno ed eliminano l’anidride carbonica dal sangue; hanno la stessa identica funzione degli alberi. Solo che in questo momento forse gli alberi stanno tirando un sospiro di sollievo mentre noi, umani, soffriamo e persino moriamo. La necessità vuole che restiamo chiusi, isolati, con pochi se non nulli rapporti umani e persino ravvicinati. I polmoni sono governati dal chakra del cuore, come ho già detto in altri articoli.

Osservo questo periodo vedendo alcuni aspetti della situazione attuale: costretti alle chiusure, a forti restrizioni, a isolamenti, al cambio drastico della quotidianità e penso :  non possiamo non riflettere su noi stessi, ogni situazione oggi porta ad una riflessione personale. Invece che tentare di fuggire alle normative, per una volta, cerchiamo di soffermarci a riflettere cosa ci fa correre e scappare di continuo, fuori di casa, al lavoro, tra le persone.

Questa quarantena corrisponde al periodo che precede la Pasqua -sarà mica un caso ???- … come ne risorgeremo? Ne usciremo più comprensivi, più sensibili, più accoglienti? O saremo ancora più spietati di prima? Saremo felici di incontrare il prossimo o desidereremo ancora la sua morte? Saremo interiormente “rallentati” e riflessivi o torneremo come frenetici pazzi? Saremo predisposti all’accoglienza, ad aprire le braccia verso l’altro o ci imbronceremo alla minima piccolezza insignificante? Saremo di nuovo egoisti o saremo diventati altruisti?

Siccome la Natura fa il suo corso e il virus – che ne fa parte – pure, stavolta tocca a Lei. Tocca a lei decidere e a noi stare alle sue di regole.

Emotivamente, per sostenerci e per riflettere, propongo qualche rimedio floreale specifico in questo tempo di quarantena così da valutare la differenza tra il prima e il dopo. Premetto che ognuno di essi NON COSTITUISCE TERAPIA MEDICA NE’ IN ALCUN MODO IN SOSTITUZIONE DI ESSA, si tratta di rimedi floreali che lavorano da un punto di vista emozionale e per il sostegno psichico.

  • per chi è suscettibile all’isteria di massa, facilmente influenzabile dai mass media e dalle notizie suggestive e pessimistiche: tanto per cominciare evitate programmi e telegiornali o giornali sul tema … RED CLOVER (FIORE CALIFORNIANO) assumere in diluizione più volte al giorno per ripristinare un atteggiamento calmo e stabile.
  • per chi si fa facilmente influenzare dall’esterno (Tg, voci vere o presunte ecc… ) da colleghi, parenti: WALNUT (FIORE DI BACH) per rafforzare il proprio pensiero a discapito degli influssi di idee altrui che sono attorno. E’ necessario ragionare con la propria testa.
  • per chi si sente deteriorato interiormente, frammentato, distrutto, perso, disorientato: ECHINACEA (FIORE CALIFORNIANO) per ripristinare l’integrità dell’Io, questo rimedio è molto, molto efficace per non perdere se stessi. Ricordiamoci che l’Echinacea è un valido rimedio per aumentare le difese immunitarie (come idroalcolico o in pastiglie).
  • per chi è facilmente influenzabile, ha incubi notturni o sogni disturbati, una vita caotica o nel caos: CHAPARRAL (FIORE CALIFORNIANO) per purificare la psiche da traumi, incubi, pensieri caotici.
  • per chi è particolarmente pauroso, sensibile e debole psichicamente e con scarsa vitalità fisica ed emotiva: GARLIC (FIORE CALIFORNIANO) … l’allium sativum … l’aglio, si sa, tiene lontani i vampiri! Garlic può aiutare sia chi è naturalmente debole a livello di sistema immunitario con tendenza a infezioni parassitarie intestinali, sia chi ha predisposizioni verso le “possessioni” di forme pensiero negative.
  • WILLOW (FIORE DI BACH): evitiamo il vittimismo durante le pandemie che di tutto c’è bisogno tranne che di essere vittime di se stessi! Utilizzate Willow per diventare responsabili!

Alcuni di questi rimedi possono sembrare molto simili l’uno con l’altro, ma sono sicura che leggendoli capiterà che qualcuno risuoni o richiami più di un altro. Seguite l’istinto.

Teniamoci occupati nel capire chi siamo e cosa vogliamo in questo momento di “tregua” dalla quotidianità, dalla frenesia. Anche una malattia può indicarci chi siamo e cosa vogliamo. Diamo ascolto alla parte più profonda di noi stessi (STAR TULIP – FIORE CALIFORNIANO) per riemergere con una maggiore centratura.

 

 

E’ l’uomo che influenza l’ambiente o …

Annunci

Anni fa, ad un corso sull’Agricoltura biodinamica, chiesi:

“E’ l’uomo che influenza l’ambiente o è l’ambiente che influenza l’uomo?”

All’epoca non ricevetti risposta dal docente, ma con il tempo la risposta l’ho trovata da sola.

Un degrado ambientale per se stesso non esisterebbe, giacché la Natura è auto regolamentata e perfetta così com’è, senza sprechi di energia né egoismi tra le specie  animali e vegetali; ne consegue che sono gli individui che creano questo tipo di degrado poiché lo vivono innanzitutto dentro se stessi.

Certo è, e lo vediamo benissimo, che l’opera degli individui condiziona enormemente l’ambiente.

E parrebbe che l’opera umana vinca sull’ambiente (da poco oltre di 150 anni).

Ma osserviamo i dati dell’ISDE (International Sociaety of Doctors for Environment – http://www.isde.it/) pubblicati in Italia; i dati sono pubblicazioni scientifiche riconosciute, solo che nessuno le divulga se non alcuni dei diretti interessati.

 È stato visto che le cellule del corpo umano hanno la caratteristica di catturare le sostanze, qualsiasi tipo di sostanza. Il ciclo del pianeta terra acqua – suolo – aria è un sistema a circuito chiuso, esattamente come il sistema corpo umano. Attraverso la sola alimentazione è stato visto che cibo contaminato da sostanze chimiche porta a danni collaterali al sistema endocrino.  Il sistema endocrino è costituito da ghiandole fondamentali per la secrezione di ormoni. Si è visto l’aumento precoce dello sviluppo nelle adolescenti, quindi un’alterazione dello sviluppo. Ma non solo, i cibi malsani ingeriti tutti i giorni stanno causando:

  • Infertilità
  • Autismo (aumento del 200%)
  • Alzheimer
  • Parkinson (in Francia è riconosciuta come malattia professionale degli agricoltori)
  • Disturbi autoimmuni
  • Malattie respiratorie, cardiovascolari e della tiroide (ipotiroidismo)
  • Diabete e obesità
  • Danni trans generazionali (cellule germinali e del feto, il che significa che il feto assorbe le sostanze ancor prima di farne esperienza diretta)
  • Aumento di tutti i casi di tumore, in particolare i tumori del sangue
  • Disturbi del sistema nervoso (causato dai piretroidi, ammessi in agricoltura biologica)
  • SLA sclerosi laterale amiotrofica, o morbo di Lou Gehrig

Nel 2012 le pubblicazioni della rivista americana Pediatricshttp://pediatrics.aappublications.org/ – parla dell’esposizione dei genitori a certe sostanze e dei conseguenti riscontri di tumori dei figli dai 0 ai 14 anni (dai 15 ai 19 anni tumori maligni)  e di leucemie infantili; in tutto il mondo si sta avendo un incremento di questo fenomeno. In Italia, si ha la percentuale più alta rispetto a tutti gli altri paesi, anche rispetto agli Stati Uniti: un incremento annuo del 2%. Si è inoltre scoperto che il tessuto adiposo del cervello del feto in via di sviluppo è particolarmente ricettivo nei confronti dei pesticidi che si stabilizzano proprio li. I pesticidi sono stati riscontrati già nel cordone ombelicale.

Quindi:

“E’ l’uomo che influenza l’ambiente o è l’ambiente che influenza l’uomo?”

L’uomo influenza l’ambiente, ma l’ambiente per come lo stiamo influenzando, a sua volta e in definitiva, influenzerà noi. Viviamo in un sistema a circuito chiuso e tutto ciò che diamo alla terra, la terra lo restituisce.

A buon intenditore…

Situazione attuale del Pianeta

Annunci

Alcune persone sostengono che non sia corretto divulgare certe informazioni in quanto le persone potrebbero “spaventarsi” o allarmarsi. Meglio quindi mantenere l’ignoranza, meglio non sapere e non fare sapere? Io la penso diversamente.

Reduce da un’interessantissima conferenza a Bologna di qualche settimana fa in cui i relatori erano un tecnico agronomo, una dottoressa oncologa e un agricoltore che dal convenzionale è passato al biologico, riporto di seguito alcuni tratti salienti di tre ore di conferenza, con le fonti relative dei dati scientifici emersi e discussi durante la serata.

Auguro a tutti voi una buona lettura. Questo è la realtà attuale.

  • L’ Agricoltura Convenzionale è stata fatta passare (direttiva europea) come Agricoltura Sostenibile;  “convenzionale” che per tutti era sinonimo di “chimico”, non esiste più.
  • E’ vero che stanno decurtando (sempre a livello europeo) un’ottantina di principi attivi dalla lista di quelli ammessi per uso antiparassitario, ma erano principi attivi che non venivano già più utilizzati da anni.
  • In ogni caso, se qualche produttore privato lo richiedesse, può essere fatta una DEROGA ed essere reintrodotto un prodotto già eliminato dalla lista. Questa richiesta la può fare anche un singolo produttore e gli verrebbe concesso il permesso (come per la reimissione del DIMETOATO in occasione dell’arrivo della Drosophila Suzuki sui frutti rossi come ciliege e duroni)
  • E’ stato visto che pesticidi e biocidi hanno effetto in primis sulla formazione del cervello del feto, poichè  esso è fatto di tessuto adiposo particolarmente ricettivo e assorbente di sostanze varie. Il cervello del feto assorbe per primo le sostanze dell’ambiente circostante, dalla madre direttamente. Già nel cordone ombelicale sono state trovate sostanze pesticidi e nel latte materno degli orsi polari è stato trovato DDT, dismesso in Europa negli anni ’70.
  • Si è constato un aumento del 200% di autismo, malattie autoimmuni, tumori del sangue, a seguire Alzheimer, Parkinson (che in Francia è stata riconosciuta come malattia professionale degli agricoltori) e scoperto che i piretroidi utilizzati in agricoltura biologica agiscono negativamente sul sistema nervoso.
  • In Italia c’è un incremento del 2% annuo di cancro nei bambini da 0 a 14 anni. Siamo l’unico paese al mondo con una percentuale così alta.
  • In Italia sui campi vengono versati 10,44 KG per ETTARO / ANNO tra pesticidi e diserbanti. Solo in Trentino i KG sono 60 per ETTARO all’ ANNO.
  • Esistono informative circa pesticidi e biocidi, mentre per i CONCIMI non si sa molto in quanto i produttori non sono tenuti a citarne il contenuto. E’ certo  che fabbriche che prima producevano bombe durante il periodo della guerra, anche in ex – Jugoslavia, ora producono concimi (azotati e ammonica) Vedi Ziklon B.

FONTI:

PEDIATRICS :
http://pediatrics.aappublications.org/search?fulltext=children+and+pesticides&submit=yes&x=0&y=0

LANCET NEUROLOGY :
http://www.thelancet.com/action/doSearch?searchType=quick&searchText=pesticides&occurrences=all&journalCode=laneur&searchScope=series&seriesISSNFltraddfilter=1474-4422&journalCode=laneur

JCEM:
http://press.endocrine.org/action/doSearch?AllField=pesticides

ISDE:
http://www.iss.it/binary/prvn/cont/decalogo_previeni.pdf